Un pensiero al giorno ☕ – 28/12/2020

CIECHI VOLONTARI

La cecità è una brutta bestia che non augurerei neanche al mio peggior nemico; sto parlando di quella disabilità visiva che non permette agli occhi di svolgere la loro funzione naturale. Ma non è l’unico tipo di cecità in circolazione, si può anche essere ciechi nonostante una vista da fare invidia a un falco.

Per esempio chi è troppo legato alla tradizione e non vuole vedere ciò che la vita gli propone di buono nel presente, è a modo suo cieco.

C’è chi si lascia accecare dall’interesse e vede solamente ciò che gli conviene che può portargli un guadagno e quando arriva il momento di dare, di condividere, di rinunciare a qualcosa per fare contenti gli altri, diventa immediatamente cieco.

Qualcuno diventa cieco per amore e vede della persona amata soltanto il lato buono, con il rischio di costruire una relazione instabile e poco sana per entrambi.

C’è chi è accecato dall’odio, dall’invidia ed è sempre alla ricerca di un conflitto in ogni esperienza che vive.

C’è qualcuno che si fa accecare dall’ideologia, un subdolo filtro mentale ben progettato attraverso il quale ci si illude di riuscire a leggere la realtà per quella che è.

Qualcun altro è cieco perché vede se stesso solo attraverso gli occhi altrui e diventa dipendente dall’opinione che gli altri hanno di lui, senza riuscire mai a vedersi per quello che è.

È molto importante capire da che punto stiamo guardando la realtà e metterlo sempre in discussione per non rischiare di diventare ciechi. Imparare a darci il permesso di sperimentare diversi punti di vista può essere un buon inizio.

Spesso e volentieri un punto di vista è solamente la vista di un punto.

fette di prosciutto sugli occhi

Se vuoi ricevere la notifica quando pubblico un nuovo articolo, inserisci la tua email nello spazio qui sotto.

[wysija_form id=”1″]

CONDIVIDILO SE TI È PIACIUTO
9 mesi ago

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *