Pier Paolo Pasolini e sua madre

Un pensiero al giorno ☕ – 04/01/2021

PERDERE PER IMPARARE A VINCERE

È assai difficile che un bambino impari in famiglia a saper perdere.
Lo sport potrebbe essere una buona occasione per lui per conoscere da vicino quest’arte proibita e farne esperienza ma quando penso a quei genitori che si prendono a insulti e cazzotti sugli spalti mentre i figli giocano, la mia speranza si prostra di fronte a tale abominio e fa serenamente harakiri. Se mai decidessi di fare l’allenatore vorrei allenare una squadra di orfani.

Concordo pienamente con Pier Paolo Pasolini quando dice che sarebbe opportuno crescere i giovani educandoli al valore della sconfitta, aiutarli ad utilizzare il fallimento per crescere interiormente e dare vita ad un nuovo modello di umanità, a comprendere che tutti abbiamo una strada da percorrere dove poter fallire e rialzarci senza perdere il nostro valore e la nostra dignità.

Sarebbe importante insegnare loro a non sgambettare o calpestare il prossimo per arrivare primi. Fargli capire che la personalità di coloro che bramano il potere e provano piacere nel fare bella figura a spese degli altri è nevrotica poiché quello in cui credono ruba al prossimo il presente e l’avvenire.

Pasolini diceva che è preferibile perdere e vivere con quel poco che siamo, che è tanto perché fatto di dignità e coscienza.

Pier Paolo Pasolini e sua madre

 

Se vuoi ricevere la notifica quando pubblico un nuovo articolo, inserisci la tua email nello spazio qui sotto.

[wysija_form id=”1″]

CONDIVIDILO SE TI È PIACIUTO
8 mesi ago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *