sentirsi giudicato

Un pensiero al giorno ☕ – 13/01/2021

SEI CAPACE DI ACCETTARE UNA CRITICA?

Quando qualcuno ti fa una critica, ci rimani male.

Certo, puoi controbattere con un’altra critica, un bel botta e risposta, palla al centro e si torna in parità.
Però dopo un po’ ti rendi conto che il pareggio non ti basta perché ciò che ti hanno detto è ancora lì che circola nella testa e crea scompiglio tra i neuroni; la mente non si accontenta del botta e risposta e inizia ad elaborare immagini, scene e controscene e improvvisamente ti ritrovi intrappolato nei pensieri.

Potresti vederla da un altro punto di vista: lasciare perdere quei pensieri fastidiosi, fermarti un attimo e ragionare su ciò che ti hanno detto e se ritieni che la critica abbia senso, che sia costruttiva e ti dia la possibilità di conoscere un lato di te che magari non consideravi, allora forse è il caso che ti ravveda e ringrazi chi ti ha criticato.

O forse ti fa comodo restare nella convinzione che tu non debba mai cambiare e che stia bene così come sei. Allora visto che sei così sicuro di te e di conseguenza in pace con te stesso, non ha senso che tu te la prenda e continui a tormentarti cercando colpe, colpevoli ed alleati per vincere a tutti i costi una partita del tutto personale che non prevede vincitori e che fa stare male te e chi ti sta vicino.

Perché piuttosto non provi a chiederti cosa senti realmente dentro di te quando ti fanno una critica? Magari prova a restarci dentro per un po’ senza giudicare e giudicarti, limitandoti ad ascoltare cosa succede, cos’è che realmente ti fa stare male quando ti trovi in quella situazione. Potresti scoprire qualcosa di nuovo, come per esempio che il vero problema non sia tanto la critica in sé quanto piuttosto una parte di te che in quella situazione torna a galla e che per un motivo o per l’altro preferisci far finta che non esista.

sentirsi giudicato

Se vuoi ricevere la notifica quando pubblico un nuovo articolo, inserisci la tua email nello spazio qui sotto.

CONDIVIDILO SE TI È PIACIUTO
3 mesi ago

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *