Un pensiero al giorno ☕ – 24/02/2021

AD OGNUNO LA SUA CROCE

Come stai?” – “Si va avanti dai.” – Tradotto: “Si va avanti un po’ a fatica ma si va.

Che è un po’ dire l’ovvio, se ci pensi. Perché tutti, nessuno escluso, per un motivo o per l’altro facciamo fatica ad andare avanti, ciononostante bene o male proseguiamo il nostro cammino. Però crediamo che gli altri stiano sempre meglio di noi.

E basta veramente poco per credere che sia così: qualcuno per strada ti saluta sorridendo e istintivamente pensi che lo faccia perché la vita gli sorrida e che non abbia i problemi che hai tu.

E non ti sei accorto che nel frattempo anche tu hai risposto al saluto con un sorriso e che lui quindi potrebbe pensare la stessa cosa di te.

Citando il Buddha: “la sofferenza è parte della natura umana” (ne ho parlato un po’ più approfonditamente in questo articolo).

Si può dire quindi che la vita è soffrire. È certamente una gioia ma anche una sofferenza, una malattia; in fondo possiamo considerarci dei “malati di vita”.

Nella fattispecie, stare al mondo è un po’ come vivere in un ospedale, dove siamo tutti malati.
Ognuno nel suo bel letto con il suo mal di vivere, convinto di essere l’unico malato dell’ospedale e che gli altri siano tutti sani.

Ma se la pensiamo così, che cosa ci resta da fare? Al massimo potremmo fare cambio di letto con qualcun altro e accollarci il suo mal di vivere.

Ma come disse Qualcuno: “Ognuno si porti la sua croce.

Parole che fanno riflettere e che ci insegnano che non ha alcun senso invidiare i problemi altrui. La “croce” è una sofferenza che ti porti dietro semplicemente perché vivi, non perché sei sfortunato. Esprimerti e relazionarti con il mondo esterno già di per sé comportano sofferenze.

Se vuoi ricevere la notifica quando pubblico un nuovo articolo, inserisci la tua email nello spazio qui sotto.

CONDIVIDILO SE TI È PIACIUTO
2 mesi ago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *